Ne resterà soltanto uno

Essendo un forte sostenitore della vocazione turistica di questa città, accolgo sempre con piacere lo svolgersi di iniziative culturali, sociali e sportive, anche quando queste non si avvicinano ai miei gusti o mi IMG_6178creano disagi gretti e mediocri come il parcheggio dell’auto. Ben vengano quindi le iniziative sportive come il trofeo ciclistico Mario Cipollini. Un’ordinanza comunale e i cartelli affissi qualche giorno prima ai lati delle strade interessate, segnalavano il divieto di sosta e la rimozione coatta dalle 12:00 alle 19:00. Come moltissimi siracusani quindi ho spostato l’auto perché nonostante tutto, da recidivo (è già successo per la scala di Cala Rossa e per le riprese delle fiction) sono convinto che le regole vadano rispettate e che il senso civico – concetto sempre più bistrattato e sconosciuto – sia alla base del rispetto reciproco e del vivere meglio. Ancora una volta invece, insieme agli altri eroi che rispettano le regole, mi sono sentito un tristissimo idiota idealista. Non tanto perché altre persone hanno deciso, scientemente o no, di non spostare la propria auto, ma perché la polizia municipale, che dovrebbe garantire il rispetto delle regole e sanzionare chi le disattende, non ha fatto rispettare l’ordinanza non rimuovendo, ne multando le auto in divieto. Il grado di civiltà di una città si misura anche da questo. Il cittadino disobbediente, strafottente o rincoglionito ha tutto il diritto di infrangere una regola ma le istituzioni hanno l’obbligo di sanzionarlo. Questa maniera tutta siracusana di fare spallucce, di bofonchiare “ma che ci possiamo fare se non le spostano?” o “vabbè, l’importante che qualcuno l’ha levata” o “ma lei picchi ha luvatu a machina, nun u sapi ca tantu poi i viggili nun fanu nenti?” è offensiva e inaccettabile. La prossima volta, il manipolo di coglioni rispettosi delle regole a cui appartengo perderà dei pezzi che andranno a rimpolpare le fila degli “spetti” e degli “spittuni”, fino a quando… ne resterà soltanto uno.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.