C’è un po’ di Igm in ognuno di noi

Non è ancora cambiato niente ma senza IGM mi sento già perso. Quel terrore che ti prende al cospetto di un futuro ignoto. Che ne sarà ad esempio dell’operatore cassonetti-design-roma-cecologico che in 4 anni non ha mai spazzato sotto casa mia? Arriva con l’ape, un moncherino di scopa a mo’ di vessillo fa capolino da un bidone nero posto sul cassone, si fuma una sigaretta appoggiato alla ringhiera del lungomare, la spegne per terra e se ne va via. Chi mi ridarà queste atmosfere uniche? La nuova azienda sarà in grado di mantenere questi standard? Il sindacato potrà fare qualcosa per non far perdere alla città questo know how? E il siracusano? Riuscirà a fare un passo verso la civiltà o continuerà a sporcare le strade, a non raccogliere le cacate del cane, a fottersene della raccolta differenziata e ad abbandonare, come se fosse la cosa più normale del mondo, una cucina componibile accanto al cassonetto? Questi interrogativi mi uccidono perché sotto sotto, dopo tutti questi anni, c’è un po’ di IGM in ognuno di noi…

Syracuse: 24 hours to be a local hero

Syracuse 24 hours to be a local hero: è già virale la nuova clip sulle eccellenze siracusane.

Scena 1 – Esterno, alba – Titolo: Mare prezioso.

Pescatori amatoriali di frodo raggiungono zona marina protetta Plemmirio con tipico gozzo a remi e sganciano tre bombe di profondità. Slow motion su schizzi di acqua contro sole e carcasse di cernia reale.

IMG_1839-2Scena 2 – Esterno mattina – Titolo: Al mare a modo mio.

Piano sequenza. Giovane coppia di sposi minorenni con neonato, percorre su scooter scala per raggiungere solarium Forte Vigliena.

Scena 3 – Esterno mattina – Titolo: Conferimento rifiuti smart 2.0.

Angolo via Roma/Lungomare. Gruppo di amici ride chiassoso e conferisce materasso matrimoniale dietro auto parcheggiata.

Scena 4 – Esterno mezzogiorno – Titolo: Zona Balneare.

Famiglia ecologista in affitto a Fontane Bianche, gioca a volano nel giardino di villa abusiva con scarico a mare.

Scena 5 – Esterno primo pomeriggio – Titolo: Parcheggio in Corso Matteotti.

Giovane disoccupato parcheggia in zona rimozione e scende da Suv per sorbire caffè al tavolino Bar nel disinteresse dei vigili urbani sullo sfondo.

Scena 6 – Esterno pomeriggio – Titolo: Le periferie.

Compagni di scuola organizzano gara di impennate su Vespa truccata nel tratto centrale di via nazionale a Cassibile.

Scena 7 – Esterno tramonto – Titolo: Panino Gourmet.

Coppia di turisti si lascia ammaliare da una carne di cavallo succosa e variopinta. Piano sequenza con carrellata condimenti esposti su vetrina food truck, dissolvenza su latta funchetti.

Scena 8 – Esterno sera – Titolo: La cenetta.

Coppia giovane e bella cena romanticamente su sagrato del Duomo… il gestore della pizzeria ha superato di 32 metri i confini del suo dehor.

Scena 9 – Esterno notte – Titolo: Fucina delle arti.

Vandali con piede di porco divellono lastre di marmo da Monumento ai Caduti e sfregiano opere d’arte disegnando con spray giganteschi cazzi.

Scena 10 – Esterno alba – Titolo: La Movida.

Dopo tour dei locali, comitivona di scalmanati termina la serata con tiro a segno di bottiglie Ceres su papere Fonte Aretusa.