God Bless and stay safe! Solarino, i social e la zona rossa

Succede che dato il numero di contagi, il Comune di Solarino, con decreto del Presidente della Regione, viene posto in zona rossa. Immediatamente, il sindaco Sebastiano Scorpo, attraverso una serie di dirette social sui canali istituzionali, informa i cittadini di quanto avvenuto e con calma tibetana, si prodiga in spiegazioni e indicazioni sulle nuove regole da seguire: attività commerciali, ristoranti, scuole, spostamenti, nulla è tralasciato. Per rendere la cosa ancora più chiara e dipanare le ombre del sospetto in alcuni concittadini, arriva a fare di conto e svolge, passo dopo passo, le operazioni matematiche che hanno generato il coefficiente responsabile di questa stretta: prendiamo questo numero, moltiplichiamolo per l’altro, dividiamo per quello e otterremo il risultato. Una cosa che neanche il maestro Manzi con “Non è mai troppo tardi” sul primo canale, nel 1958. Tutto molto lineare, senonché il popolo social non l’ha presa benissimo ed è cominciato il solito turbinio di offese, oscenità, teorie strampalate, complotti e bestialità assortite. Gli utenti che commentano le dirette del sindaco Scorpo sono divisi in due schieramenti che si fronteggiano come italiani e austriaci sul Piave.

Ormai è una cosa molto comune, non c’è argomento, non c’è situazione che non provochi, una volta data in pasto ai social network, rigurgiti di rozzezza e di violenza verbale. Siamo tutti scoraggiati e quasi assuefatti a questa prassi tanto che molti, proprio per non doversi trovare nella spiacevole situazione di dover rispondere, argomentare, obiettare o semplicemente confrontarsi, preferiscono astenersi, lasciando di fatto il campo a questi barbari.

Leggendo i lunghi thread delle dirette del sindaco Scorpo invece, il paradigma sembra rivoltato, un “upside down” tipo Stranger Things ma con “bene” e “male” capovolti. 

Sono tanti gli utenti che rispondono colpo su colpo alle ingiurie, alle accuse immotivate, agli insulti e alle notizie destituite di qualsiasi fondamento. È una guerra di logoramento: da una parte i cosiddetti haters che vomitano insulti e distribuiscono responsabilità – il Sindaco ha dichiarato che procederà a denunciare uno ad uno gli utenti che sono andati ben oltre le critiche, sconfinando nella calunnia e nella diffamazione  – dall’altra una vera e propria resistenza che argomenta con spirito critico e buon senso.

Una cosa a tratti commovente. Ne viene fuori una leggi l’articolo completo su Siracusapress.it

Angosce

– Pemmesso, pemmesso, scusi c’ho fretta…

– Signora ma c’è la fila, aspetti il suo turno.

– No! ma io non devo prendere ippane ma le zippole qua fuori!

– E che fa, non può aspettare?

– Ma se su i sei menu cincu! I ristoranti chiutono!!!

– Intanto si metta la mascherina, ma poi, u zippularo chi è ristorante?

– Ma cui? Macari chistu ca fora?

– Certo, lo chieda qui, alla cassa…

– Scusi signorina, i zippule a che ora chiutono?

– Signora, il panificio chiude alle 20:00

– Macari i zippule?

– Sì.

– Piii! Meno male, mi sta savvando la vita, che se non ci potto le zippole colla nutella a me figghia chidda si mette a ghittari uci e mo marito non si po’ talari a pattita ra e ci ietta uci i supra!

Fimminune – Diario del nanno col giubbotto blu

3 maggio 2020

Il Nanno col giubbotto blu e Ninni passeggiavano a passo svelto e ridevano di gusto. Li ho salutati e loro sono venuti sotto al balcone. “Buongiorno Ragazzi – ho detto con il sorriso sulle labbra – di che parlate?”. “Ah nenti – ha detto il nanno – di fimmine…”. Allora è intervenuto Ninni è ha detto: “Hai sentito a quella giornalista che dice che è bella come la Unziccher?”. “Ma chi, la Botteri? – ho chiesto sgomento – ma non sono questi i termini della questione…”. “Accussì hanno detto ni Stricia.” ha replicato Ninni con un sorrisetto ebete sul viso. “No – ho fatto io, ti assicuro e una questione che riguarda la professionalità di una donna e la volgare pratica del body shaming e…”. Alla parola body shaming, Ninni è scoppiato in una risata fragorosa e ha cominciato a canticchiare un motivetto ossessivo per bambini: “Poti sciank tuttù ru tuttutù, Poti sciank tuttù ru tuttutù.”.  Io sono rimasto basito e anche un po’ risentito per questo comportamento di Ninni, il nanno deve essersene accorto perchè lo ha zittito bruscamente: “basta scimunito, ora statti mutu!”. Poi si è voltato verso di me è ha detto: “senza offentere nessuno, tu si giovane e fosse ancora non lo capisci, ma nuautri ca semu sempre a casa…”. Minchia sempre a casa… lei? – avrei voluto ribbattere ma ho soprasseduto. “u fatto – ha continuato il nanno- è ca na televisione ni piaci taliari i fimminune… belle picciotte con le minne sote, no una ca pari me mugghieri Sivvana dopo ca ha friuto 10 kg i mulinciani pi ferracosto… aanti!”. 

Siracusa 2023

Non partire svantaggiato, pianifica fin da adesso le mosse per la tua campagna 2023 al Consiglio Comunale. Hai paura di finire nella blacklist delle cantitature tei cantitati incantitappili? Pensavi che il fàcchissi fosse il futuro ma ora il capo della tua comunicazione ti ha fatto aprire un account su Feisbus e ti trovi in difficoltà? Difetti nella costruzione di frasi di senso compiuto e di calcoli semplici? La coniugazione dei verbi ti avvilisce e per andare sul sicuro scegli sempre l’infinito?

Non disperare, supera i tuoi limiti, annienta le tue gravi lacune con i Dieci passi di Archimete Pitacorico per candidati a prova di esami di quinta elementare.

È garantito, con i Dieci passi di Archimete Pitacorico per candidati a prova di esami di quinta elementare, quello scranno al Vermexio sarà tuo.

I dieci passi

  • La forma con il verbo essere “Io mi sono diplomato” è preferibile a quella con il verbo avere “Io mi ho diplomato”.
  • Occorre porre un freno alla sostituzione delle consonanti. È un’impresa ardua ma non impossibile, comincia da qui: “barrare il simbolo del Sindaco” NON “sparrare il simpolo tel Sintaco”.
  • La parafrasi risolve problemi “Mi porti a uno che io c’ho comprato il voto o pacato la bolletta” può essere modificato in “Sta forse insinuando che io abbia perpetrato il voto di scambio? ”.
  • Vuoi azzardare un congiuntivo imperfetto? Ricorda che la forma corretta è “che egli stesse” NON “che lui stasse”.
  • Elimina la H dai tuoi appelli “hai siracusani”e l’accento dalle e congiunzione nella tua bio “onesto è padre di famiglia”.
  • Quello scranno sarà tuo, ma per scaramanzia… “Se dovessi vincere” NON “Se io avrò vinto”.
  • Il latino è una lingua morta ma mantiene una dignità, non darle il colpo di grazia: “Repetita iuvant” NON “Repetita Juve”.
  • L’Inglese ti fa sembrare cosmopolita, ma togliere e aggiungere vocali e consonanti a piacimento non serve. Ripeti ad alta voce: Budget NO BaggeSponsor NO SponsoStartup NO StartappiBrand NO Brendi.
  • L’ego è importante, ma non esagerare. Sforzati di rimpiazzare “Io secondo me si potrebbe” con i più lineari “Io penso che si potrebbe” o “Secondo me si potrebbe”.
  • Per finire: Fonti energetiche, ok; Fonti di guadagno, va bene; Fonti attendibili, perfetto; ma MAI, MAI, Fonti Europei.

Un po’ mi mancate già

Grazie per questi fantastici 5 anni insieme!

Ci avete regalato 1825 giorni di grandi soddisfazioni, i discorsi, le dispute, le scomparse e le ricomparse del numero legale, i gettoni di presenza e le 1232 commissioni, i regolamenti, la Severino, le consecutio improbabili, gli atti quelli buoni, le eccellenze siracusane, i voti importanti contro le speculazioni, le dimissioni di alcuni e l’ingresso di altri, i caffè concerto, il viadotto di Targia, Giletti e la Petix, i servizi taroccati delle Iene, la pantomima delle firme dal notaio e tanto altro.