Ritere ti te – Diario del nanno col giubbotto blu

Il nanno col giubbotto blu è passato insieme allo zu Iano a bordo della lapa e si è fermato per un saluto veloce. “Stai tunnannu a casa pi taliarimi un pizzuddo di concetto del primo maggio.” mi ha detto appena mi ha visto affacciato al balcone. “Sa che c’è anche un mio piccolo contributo?” gli ho risposto entusiasta. “Cu tuttu u rispetto, no chiddu ca, i Sarausa… a mia mi piace chiddu ranni… st’anno c’è Vasco Rossi.” ha detto compiaciuto. “Non l’avrei mai detto… un rocker! – ho fatto io – è un fan di Vasco?”. “A quali fan, a quali rocchi – ha risposto lui – tutti su scrusciu… schifìu. A mia mi piaciunu sulu i canzuni lente… ce ne sono certe che…”. Quali?” ho chiesto con referenza. “Ritere ti te… ma macari Vita spericolata, Selli, Ogni Votta… n’ha fattu belle… basta, mi sto emozionanto… aanti”. Avrai voluto indagare un po’ di più su questo lato sentimentale del nanno ma è intervenuto u zu Iano, rompendo l’atmosfera che si era creata: “Chissu è trocato.” ha detto come una sentenza. “E tu si sempre mbriacu!” gli ha risposto il nanno col giubbotto blu. “Vo fari u paracone cu Clautio Villa ca canta Granata?” ha ribattuto u zu Iano con aria di sfida. “Iano, viri ca Clautio Villa mosse… uno vivo ca ti piace u canusci?” ha chiesto il nanno beffardo. “Necchi – ha risposto pronto u zu Iano mentre rimetteva in moto la lapa – Laura non c’è… e ta fici fetere… amuninni ca si fici taddu, salutamu”.