Circoli viziosi

A Siracusa d’amar,

senza iabbu,

lo zauddo,

lasciò la macchina,

davanti al portone,

dello sfigato,

che in orario,

il mastello da casa posò.

E venne lo spazzino,

non vide un cazzo,

lasciò il mastello,

con l’indifferenziata,

che in orario,

lo sfigato,

scese da casa,

e lo zauddo,

coprì con l’auto,

che il vigile urbano manco multò.