Solarium, stop ai pranzi al sacco

Dopo i malumori dei ristoratori attigui ai solarium cittadini che in un incontro con l’Amministrazione avrebbero mostrato, dati alla mano, il brusco calo di introiti a pranzo, arriva puntuale l’ordinanza del Sindaco che vieta fino al 30 settembre 2022, colazioni e pranzi a sacco e la consumazione di qualsiasi tipo e forma di panino, cornetto, raviola, arancino e ogni altro pezzo di rosticceria. È altresì vietato introdurre nel solarium qualsiasi bevanda che non sia acqua naturale a temperatura ambiente, ogni bevanda alternativa, birra, succo di frutta, latte di mandorla, caffè freddo, verrà sequestrata dai percettori di Rdc che commineranno salatissime sanzioni amministrative.

Elesciondai

– Ooh, u pagghiazzu s’ha dimesso, a sintutu? Ora elesciondai…

– Ma chi, il Presidente?

– A docu, Musumecio…

– Ma tu non sei fratello d’Italia? Vedi che è alleato con te…

– Ma cui?

– Musumeci.

– Ma chi sta ricennu?!?!

– Nella Gazzetta dello Sport non c’era?

– Ma vero è?

– Mpare, giuro.

– Va bé… pagghiazzu è esagerato… picchì quacche cosa buona l’ha fatta…

– Contento tu…

– A picchì, tu si sempre ca sinistra?

– Sì, deluso e pieno di dubbi…

– E votati a Iervolino docu…

– Intendi la Chinnici?

– Fai zocco voi… forza, pigghiamuni sto café…

L’escalation

Dopo l’incontro con i ristoratori di levante che hanno dimostrato – pizzini alla mano – il crollo degli incassi dovuto al senso unico sul ponte umbertino durante gli orari di Ztl e la conseguente e immediata revoca dell’Amministrazione dell’ordinanza che lo istituiva, non si sono fatte attendere le richieste dei ristoratori di ponente che chiedono uguali diritti e nello specifico:

– Apertura del ponte Santa Lucia durante orario Ztl;

– Chiusura dell’accesso all’isola di Ortigia per i residenti fino alle 24:00 e alle 02:00 nel weekend per consentire il parcheggio dei clienti;

– Stop raccolta differenziata e corposo sconto Tari per chi frigge in olio esausto;

– Stop carrellati sui marciapiedi e ridistribuzione coatta dentro gli androni dei palazzi adiacenti al ristorante;

– Dehors no limits, con la possibilità, in base alle esigenze del singolo ristoratore di poter srotolare tavoli e sedie spaiate lungo vicoli, piazze, sui sagrati delle chiese anche non adiacenti al locale;

.

Basterebbe così poco

Ma mi chiedevo, ma è possibile che non ci sia un’ordinanza che venga fatta rispettare? Carico e scarico, parcheggi apicalessino, decibel, dehors, rifiuti ristoranti, fumi puzzolenti, decoro urbano, minchia, una, una sola, per dare un appiglio, qualcosa che faccia credere che non sia tutto perduto. E invece niente, ogni giorno le stesse infrazioni, le stesse moto sopra i marciapiedi, gli stessi carrellati degli stessi ristoranti debordanti di rifiuti di ogni genere alla faccia dei giorni di conferimento, gli stessi atteggiamenti aggressivi di questo nuovo terrificante terziario a cui è stata regalata la città. Come si fa a non vedere? O ancora peggio, come si fa a vedere e non intervenire? Eppure basterebbe così poco.

Tradizionalisti

– Ma unni ma puttatu!!! A nun era megghiu na canne e sbizzero?

Avà Macco, a come sei un pitarro. Lo vedi che non capisci niente, viri ca ogni tanto pò canciàri… sempre stu cavaddu…. cavaddu e pollo, pollo e cavaddu…

Va bene, tranquilla, canciamu… Ma ca chi ni fanu manciare?

Possiamo prendere l’humus, le frittelle di ceci e lenticchie, vedi, vedi, fanno macari il bugghe di soia, lo spezzatino di seitan con prugne e arachiti… che dici?

– Ma veramente… Fosse mi piglio sulu i patatini fritti e poi chiù taddu ni pigghiamu u gilato

Macco, non le fanno le patatine, ti puoi prendere sti crunci stic carota e babbabietola…

Senti amore… io sugnu tradizionalista po manciari… amuninni prima ca veni u cammarere, piffauri… poi ci tonni cu ta soru ca macari a idda ci piaciunu sti cosi…

Tutti allicchittati

– Mpare ti ho visto ni Docce e Gabbana a Teatro Greco.

– Ma a chi?

– A tia, su Feisbuc… tuttu allicchittato.

– Impossibile, non ero io, stai sbagliando…

– Chi fa, t’affrunti?

– Ma picchì m’avissi affruntare? Solo ti sto dicendo che non ero io… non ero lì.

– Io ci stava iennu, elecante, ma poi mi siddiai…

– Eri invitato?

– No, ma me cucino Giancallo era sechiuriti.

– …

– Sechiuriti all’ingresso, mpare…

– Tipo Malibù…

– Mi pigghi po culo?

– No, però mi pare difficile che…

– Femmiti docu ca u chiamamu subbito…

– Dai no, ma che ti deve dire…

– Aspè… Pronto Giancallo, viri ca sugnu o bar e c’è uno ca nun ci criri ca travagghiasti come sechiuriti ni Docce e Gabbana

– Ma mica non ci credo, è che…

– Ah, alla fine non t’ana pigghiatu? Non ci travagghiasti? Vabbé, niente niente. Ciao, ciao.

– Colpo di scena!

– Minchia viri chi su bastaddi… non n’ana pigghiatu…

– E va bè, futtitinni dai…

– A cetto, ma poi cu c’era? Un pugno di Mao Mao tutti allicchitati!