Lecalità zero – Il Glossario dei commenti sulla decisione del CGA

– Io non lo so chi e peggio di reale. e italia ma sicuro. ora ano scassato la minchia. itavinni a travagghiari

– Ma questi di questo cca lo sanno che il sindaco a distrutto il cimitero che si portano le lapiti sane

– Viremu che dice ora u zillusu i reale

– Ma picchì italia era sintaco?

– Ancora nama supputturi a stu bestia

– Avantiinsieme Le persone che non credono in lui devono solo rosicare bastardi il bene vince

– Mah … comu nunnupottimu luari a sta zicca

– Il cga perche non si fa un giro allarenella e vede quanta munnizza ce lo schifo

– Stuiativi u mussu

– Italia sei il pegio del monto pegio di catania pegio di carlentino peggio di ispica e peggio di chiaramonte gulfo

– Non sto capento ma il tar non era più forte del cgia allora perchè?

– Arrivò a sentenza pilotata cetto ca lecalità zero pagghiazzuni

– Ad aprile appoi sparamu i bumme d’artificio pagghiazzi

– Ma perché ve la prendete col sintaco cosa a fatto di male pultroppo lui non può riparare tutto quello che ha danneggiato chi c’era al comanto prima di lui almeno lui quacchecosa la fa e disponibile al contrario di quello altro

– U futomotello poteva fare no sindaco

– Ni stana pigghiannu tuttu po culo sveglia!

– Reale a fattela na risata pezzo i cuccu.

– Coi soldi delle tompe pagano a gli avvocati

– Ti mittisti a zicca basta mpare pietà ai pesso

– lo sano tutti che giudici sono ventuti

Stiamo morento ti freddo!

“Stiamo morento ti freddo!”. È l’accorata denuncia del comitato studenti aretusei all’indomani della polemica sullo stato degli impianti di riscaldamento nelle scuole siracusane. “Nei scoli dela città s’aggiggia ppì daveru. I temmosifoni su tutti rutti e in motte finestre ci sono spifferi e trase u veleno. Chiddi re paisi ca venuno che mutura non si pono manco quariare picchì è tuttu astutatu e mischini non si pono puttari manco una cupetta picchì non ci trase sutt’asella. Aieri u temmometro dell’aifon signava 8 gradi! Ma vi sta parennu ca stama babbiannu? Qua si deve fare quacche cosa subbito, virìti zoccu potete fare Sintaco e chidda ra provincia picchì accussì non si pono fari i lezioni e siamo costretti a fare sciopero e a manifestazione. I studenti a stu coppu sono uniti coi nsegnanti e i bidelli e u segretario picchì macari iddi stana murennu ro friddu. Chietiamo limmediata accensione di tutti gli impianti pi fari cauru. Basta scuse. L’appuntamento per la manifestazione è al bar di cosso Gelone, facemu anticchia i buddello e poi, che mutura, scinnemo a Ottiggia pe pallare cu l’Assessore. Unnici, unnici e menza ni viremu a marina per ogganizzare u sciopero di domani”.

Traguardo Storico

Approvato a gennaio il bilancio di previsione, parla il Sindaco: “Questo traguardo storico è stato il frutto di un lavoro di squadra e nasce dall’intuizione di dotare il Comune di un gigantesco pallottoliere per i calcoli più complicati”. “Abbiamo definito un metodo, quello aleatorio, per distribuire le risorse ai vari capitoli di bilancio e rivoluzionato la riscossione dei tributi comunali che ritorna in house e si accanirà sui cittadini possessori di Matiz e di Suv SsangYong”. “Si prospetta un biennio radioso per la nostra cittadina – conclude il Sindaco – accenderemo nuovi mutui per garantirci nuovi debiti, punteremo sul brigantaggio, sul pescato di frodo e sul prezzo calmierato della carne di cavallo che diventerà indice economico per le aliquote fiscali”.

Schizzinosi

– Tolcetto?

– Magari della frutta… ne avete?

– Abbiamo meloncino cantalupo, uva, ananas, frutti di bosco, giggiulena e sorbetto a limone…

– SI potrebbe avere un misto di uva e frutti di bosco?

– Cetto! ora ce la potto.

(dieci minuti dopo)

– Preco…

– Ehm… ma quest’uva…

– Quacche pobblema?

– Beh, sembra più di là che di qua… è marcia!

– Non è marcia, è così…

– Vabbè… io non la prendo.

– Solo lei si sta lamentanto, i nostri clienti la manciano così…