No al ripristino del Consiglio Comunale, sì al presepe vivente

È il tempo della mediazione e del campo largo delle forze progressiste e il Sindaco Italia, messo alle strette, avrebbe deciso di tentare una timida apertura nei confronti di Lealtà e Condivisione. Riunito nella sala del trono insieme ai suoi cortigiani e gran ciambellani, il sindaco avrebbe deciso di concedere agli ex consiglieri comunali una seconda occasione attraverso la messa in scena di un presepe vivente. 

La rappresentazione sacra – che avrebbe la doppia valenza di riavvicinare le forze del centrosinistra e constestualmente difendere i valori di riferimento della nostra cultura tra cui il parcheggio in doppia fila, la passiata alla marina e il consumo smodato di calia, simenza, sbizzero e sassaemayoness – dovrebbe essere allestita ogni giovedì al quarto piano di Palazzo Vermexio.  Plauso di Oltre: “sì alla politica dei Tableau vivant”. PD diviso.

Rimpasti

Rimpasto in Giunta, i tentennamenti di Lealtà e Condivisione spianano la strada a nuovi scenari politici. Sempre più rumors darebbero per certo l’ingresso in Giunta di Savvuccio detto “Manulonca” in quota Posteggiatori Abusivi Riuniti e di Cammelo detto “Facci i ciramira” molto vicino ai Pescatori di Frodo per Siracusa nel Mondo. A loro andrebbero le rubriche viabilità, bilancio, personale e polizia municipale. Smentite le voci di un accordo con Ortigia Sangue Blu che rimane molto critica nei confronti dell’operato del Sindaco, si aprirebbe invece la strada per l’ingresso di Concettina Ignoffo Sparatore. La Ignoffo Sparatore, manager e consulente d’impresa, ha costruito la sua fortuna fornendo il know how per l’allestimento dei banchetti in mezzo alla strada per i boat tour e le visite alle grotte marine, a lei le deleghe al commercio e alle attività produttive. Critiche da parte di Assopanini e Confcavallo che speravano di fare valere il loro peso politico e che invece rimarrebbero a mani vuote. Interlocuzioni anche con MDP (Macchina – Dio – Patria) che è pronta a subentrare con un suo esponente di spicco nel caso uno tra Savvuccio Mannulonca e Cammelo Facci i Ciramira venisse arrestato in flagranza di reato.

Emergenza Sicurezza

Ancora senza soluzione l’annosa questione delle basole semoventi di Corso Umberto: è emergenza sicurezza. Nella giornata di ieri, due basole a volto coperto hanno rapinato una gelateria della zona, impossessandosi dell’incasso e dileguandosi tra la folla dopo aver minacciato il proprietario con una scacciacani.

Io defleco, tu deflechi

– A vistu ca si stanu puttannu tutti i defleco?

– Ma chi su sti defleco?

– Docu, i paletti ra pista cicalbile!

– Ma unni?

– Na pista ciclabile!

 – Non ti sto capento, ma qual è sta pista ciclabile? Chidda a mare, o viale Tunisi?

– No! Chidda ca sutta!

– Ma chi sta mpapucchiannu…

– Ma si scimunito? Un anno ca c’è a pista ca sutta u palazzo.  

– Vero?

– E sta striscia co giallo secunnu tia chi è?

– Pista ciclabile è?

– Ca cetto.

– Ma ti pare che l’avevo capito. Allora viri che si paletti i scippo iu, pi mittirici a machina… pugno di bastaddi.

Ecosistemi urbani

C’è un aspetto che non entra in nessuna classifica di Ecosistema Urbano ma che invece rappresenta un cambiamento epocale. A Siracusa, l’esempio più lampante di virata verso la green mobility è quello dei malacarni e dei pusher di quartiere che hanno dismesso i T-max elaborati per passare a quelle bici elettriche con le ruote giganti sulle quali continuano a delinquere ma almeno lo fanno in maniera sostenibile ed a emissioni zero…