Su la maschera

Altro che disposizioni anti covid, ma nemmeno le norme basilari d’igiene, ma io dico: ma che diavolo ci vuole? Ma è così difficile tenere su quella cazzo di mascherina, fare attenzione a non toccarsi il naso e poi mettersi ad affettare salumi. Ma perchè non riusciamo mai a seguire una norma e troviamo sempre un’eccezione, una maniera per eluderla, per necessità o per furbizia? Sono entrato in un supermercato di Avola, catena importante, marchio solido e presente in tv con spot quotidiani. Dovevo comprare poche cose: delle trofie per il pesto di basilico di mia suocera, che ha vissuto a Genova per un tanti anni e con quel mortaio tira fuori una salsa densa e commovente per gusto e struttura; qualche limone bio, le pesche da grattugiare per Bruna e un po’ di prosciutto cotto sempre per la bambina. Sono entrato con la mascherina ben aderente e con l’obbiettivo di uscire nel minor tempo possibile. È una mia specialità, detesto sprecare il mio tempo nei supermercati e anche prima dell’emergenza, ero capace di fare la spesa completa per la settimana in meno di 15 minuti. Pur non conoscendo il supermercato, mi sono mosso con una certa agilità. Le trofie fresche le ho recuperate in un attimo dal banco frigo, i limoni, al volo pescando una retina con il logo del Consorzio. Per le pesche, ho perso qualche secondo in più, le ho scelte meticolosamente una ad una, pesate e prezzate. Non mi restava che il prosciutto, Donatella era stata perentoria: “o Gran Biscotto o Parma Cotto, assicurati che siano al punto giusto, al centro, tu li guardi e te ne sinceri, se sono all’inizio o alla fine, desisti”. Mi sono avvicinato al banco dei salumi e già da lontano, anche se lo vedevo di spalle, avevo percepito che c’era qualcosa che non andava negli elastici della mascherina del salumiere. Ho preso il numero e ne ho avuto la conferma. La mascherina era indossata come un reggi mento, un supporto anatomico, forse un vezzo, non so. Si prospettava l’ennesima discussione con un emerito deficiente che avrebbe addotto motivazioni risibili o si sarebbe limitato ad alzare le spalle senza sforzarsi di capire. Quando è arrivato il mio turno ho chiesto se per favore poteva indossare correttamente la mascherina, ma mentre lo chiedevo, il salumiere era intento a grattarsi, sfregando un dito sotto il naso con un accenno di scaccolamento. Non era molto entusiasta di mettere la mascherina e mentre la tirava su, ha scambiato uno sguardo con un altro cliente come a dire: guarda che mi tocca fare per servire sto coglione. Io purtroppo non potevo ritenermi soddisfatto e allora ho chiesto, sempre per favore, se poteva indossare dei guanti monouso ma lui, sempre più infastidito, mi ha detto che non li aveva. Allora ho chiesto che almeno usasse la pinza ma lui non sapeva dov’era e per di più ha bofonchiato una cosa come: “capaci ca ora vuole u prosciutto gratis”. Ho fatto finta di niente e ho chiesto se poteva chiamare il suo capo o qualcuno che poteva aiutarmi. Lui si è girato verso un’apertura alle sue spalle e ha chiamato: “Supervisor, puoi venire un attimo?”. Intanto, la gente dietro di me cominciava a rumoreggiare per la perdita di tempo e un signore senza mascherina ha detto chiaramente: “Pigghiti stu prosciutto e nu ci scassare a minchia.”. Nel frattempo è arrivato il così detto “Supervisor”, proveniva dalla cucina e reggeva una teglia gigante con delle polpette annegate nel sugo e destinate al banco rosticceria. Procedeva con passo marziale e prima di posarle si è rivolto a quello che mi aveva dato del coglione e che probabilmente le aveva ordinate e gli ha detto: “Le poppette sono venute bellissime e il suco è una bomba” e per dimostrarlo ha immerso il dito indice nella teglia, l’ha intinto ben bene nel sugo e se l’è portato alla bocca assaporandone tutto il gusto, poi si è girato verso il ragazzo e ha chiesto: “Robbetto, qual è il fatto?”. Robbetto mi ha indicato e ha detto: “al signore non ci va bene niente”.  Il supervisor si è avvicinato e mi ha chiesto: “quacche pobblema?”. “Nessuno – ho risposto io- grazie lo stesso”. Ho lasciato tutto lì e sono andato via.

3 pensieri su “Su la maschera

  1. Hai fatto veramente bene a fare una cosa del genere, in una situazione del genere non si sa chi ha il Covid 19 e tutti devono usare gli strumenti giusti per fare in modo che questo virus che si diffonda e questo racconto che hai detto e alcune persone sembra che se ne fregano per non diffondere il virus.

    Piace a 1 persona

Rispondi a aiblut Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.