Amaro in Bocca

La notizia della chiusura delle indagini da parte della Procura Militare di Roma sull’omicidio di Emanuele Scieri e l’accusa formale verso i caporali Antico, Panella e Zabarra, è uno piccolo squarcio sul quel muro di gomma su cui la famiglia e gli amici di Emanuele si scontrano da più di vent’anni, ma lascia l’amaro in bocca. La ricostruzione dei fatti è quella che sappiamo ormai tutti, quella cioè che la Commissione Parlamentare d’inchiesta presieduta da Sofia Amoddio, nella scorsa Legislatura, ha accertato grazie a nuovi elementi di prova ed a nuove intuizioni talmente evidenti da spingere il Procuratore Capo di Pisa a riaprire le indagini e ad indagare i tre caporali e il generale Celentano, che all’epoca dei fatti, era capo supremo del rinomato Corpo d’élite dell’esercito italiano. Dopo che la procura di Pisa aprì il fascicolo e spiccò i primi avvisi di garanzia, finalmente, dopo vent’anni, si ridestò dal suo torpore anche la Procura militare di Roma che iniziò, tra precisazioni imbarazzanti sul nonnismo e richieste di atti secretati, un suo filone di indagine. Certo, non si capisce bene su quali nuove prove, dato che quelle della Commissione Parlamentare d’Inchiesta erano in possesso solo della Procura di Pisa, ma tant’è.   

La differenza sostanziale tra le due inchieste è piuttosto evidente: mentre la Procura della Repubblica di Pisa oltre ad indagare i tre caporali, vaglia anche la posizione del Generale Celentano, probabilmente ritenendo che ci sia una responsabilità dei vertici del Corpo e della Caserma sull’accaduto (cadavere ritrovato dopo tre giorni, ispezione la notte di ferragosto del generale, altra ispezione degli ufficiali della caserma il giorno successivo), per la Procura militare di Roma gli eventuali responsabili sarebbero solamente i tre caporali, unici indagati. Ecco, per me questa mancanza è inaccettabile. Sono prevenuto, lo ammetto, ma i miei preconcetti si sono formati in vent’anni di mancanza di ammissioni di responsabilità, nei patetici tentativi di far credere che Scieri si fosse suicidato, che fosse depresso e assumesse psicofarmaci, che si fosse arrampicato in cima a quella torretta di asciugatura dei paracadute, nel cuore della notte di quel 13 agosto 1999, per cercare la linea del telefonino.

Quello che è successo quella notte di agosto lo si evince dalla relazione finale della Commissione, lì c’è un’affresco, vivido e terribile di cosa era e come veniva gestita la Caserma Gamerra in quegli anni. Oggi sappiamo quello che è successo ad Emanuele poteva accadere a chiunque altro perché lì, nel presidio dello Stato, nella caserma di eccellenza di uno dei corpi militari più blasonati dell’esercito italiano, le regole erano state riscritte e il sopruso e la violenza erano di casa. E in quel clima avvelenato e senza controllo della caserma Gamerra, un atto di nonnismo come quello che ha causato la morte di Emanuele Scieri, a cui fu imposto di scalare a forza di braccia una torretta nel cuore della notte, gli furono pestate le mani per farlo cadere e fu lasciato agonizzare fino alla morte, non è semplicemente un colpo di testa di un singolo o di tre caporali esaltati e violenti, ma una pratica parallela, accettata e tollerata nell’indifferenza e nella mancata assunzione di responsabilità.

Ossimori

Viviamo in un’epoca nella quale le parole sembrano perdere il loro significato. È uscita ieri la notizia battuta dalle agenzie e poi ripresa da tutta la stampa, che per la procura militare di Roma, l’omicidio di Emanuele Scieri non fu un atto di nonnismo ma una punizione finita male. Ma cosa vorrebbe dire?

Siamo alle solite: mai una ammissione di responsabilità da parte delle forze armate, mai l’intenzione di fare chiarezza una volta per tutte, solo la volontà di propinare verità parziali. Hanno detto di tutto, hanno parlato di suicidio, di incidente autonomo, di droga, depressione e psicofarmaci, una vergogna. Ci son voluti vent’anni e tutta la forza e il coraggio di una famiglia distrutta e degli amici che non si sono mai arresi, che hanno continuato a chiedere giustizia e verità per un delitto atroce. C’è voluta la caparbietà di una donna, Sofia Amoddio, che nella scorsa legislatura, da sola, contro tutto e contro tutti, ha sfidato la Difesa, ha ottenuto quello che per vent’anni era stato negato, l’apertura di una commissione parlamentare d’inchiesta (voto contrario di Lega e Fratelli d’italia), ha riaperto i fascicoli, li ha studiati, ha riportato a galla le incongruenze, le magagne nelle indagini e le scabrose omissioni. Quel lavoro certosino e meticoloso ha permesso alla Procura di Pisa a riaprire il fascicolo Scieri e di indagare tre militari e il generale Celentano, all’epoca, il capo supremo della Folgore.

Quello che è successo quella notte di agosto 1999 lo si evince dalla relazione finale della Commissione Parlamentare, lì c’è un’affresco, vivido e terribile di cosa era e come veniva gestita la Caserma Gamerra in quegli anni. Oggi sappiamo quello che è successo ad Emanuele poteva accadere a chiunque altro perché lì, nel presidio dello Stato, nella caserma di eccellenza di uno dei corpi militari più blasonati dell’esercito italiano, le regole erano state riscritte e il sopruso e la violenza erano tollerati.

Bisognerebbe spiegare alla procura militare di Roma che una punizione finita male è un atto di nonnismo, che imporre ad un militare di scalare a forza di braccia una torretta nel cuore della notte, pestargli le mani, farlo cadere e lasciarlo agonizzare fino alla morte è in tutto e per tutto un atto di nonnismo. E in quel clima avvelenato e senza controllo della caserma Gamerra, un atto di nonnismo non è semplicemente un colpo di testa di un singolo o di tre caporali esaltati e violenti, ma una pratica parallela accettata e tollerata dai comandanti, nell’indifferenza e nella mancata assunzione di responsabilità.

Per fortuna i fascicoli della procura di Pisa e della procura militare di Roma viaggiano su binari differenti. Noi, aspettiamo con pazienza il giorno in cui, come per il caso Cucchi, lo Stato riuscirà a giudicare lo Stato e mettere la parola fine ad una delle pagine più vergognose della storia delle forze armate e di questo Paese.