A quali Cinisi?

– Ti prego, non mi cuntari nenti perchè io il voto non ve lo do.

– Ma noi stiamo puntanto motto nel migliorare la qualità dei cittadini con il lavoro…

– Non ho capito.

– Il lavoro… coi cittadini… per la qualità…

– Tipo morra cinese? Allora io dico… forbice!

– No! Chi c’entra… a quali cinisi!!! stiamo pallanto dei sarausani.

 

Elezioni Siracusa: è caos conteggio delle preferenze

Intervento della Commissione elettorale centrale che con decisione inappellabile, proclama la sostituzione del verbale mancante della Sezione n. 8 (Siracusa – Borgata) con l’unico documento ufficiale trovato all’interno del plico: la giocata Lotto delle signorine Pitruzzello Concetta (89 anni) e Pitruzzello Lucia (87 anni).

Al candidato Napoli della lista Francesco Italia Sindaco, vengono dunque attribuiti i voti dell’ambo secco 14 e 76 giocato sulla ruota omonima. Stesso discorso per il candidato Firenze della Lista Fuori Sistema Siracusa a cui viene attribuito il terno 21, 45 e 83!!!

Dannatissimo Cuorum

Mi dispiace davvero tanto, non ho idea di come tu possa avere il mio numero ma ti confesso che in queste ore di spoglio ti ho pensato: chissà quanti voti ha preso… speriamo che riesca ad affermarsi. In serata invece, la ferale notizia: il voto popolare non ti ha premiato. Ma tu hai un grande cuorum e sono certo che non ti lascerai abbattere e che farai tesoro dell’esperienza per tornare ancora più motivato e consapevole per la prossima competizione elettorale. Grazie a te e non dimenticarlo… anch’io per te ci sarò lo stesso… sempre.

 

Good Bye, Duccio!

Esce dal coma e vi fa subito riento!!! È la storia di Duccio Patanè, il militante della sinistra extraparlamentare entrato in coma nel 1991 durante una manifestazione contro l’amministrazione comunale di Priolo guidata da Pippo Gianni. Nel pomeriggio di ieri, dopo 17 anni, Duccio Patanè si è miracolosamente svegliato circondato dai compagni del circolo Dolores Ibárruri ma, una volta appresi i risultati elettorali, non avrebbe retto il colpo ricadendo immediatamente in uno stato di profonda incoscienza.