Fosse sì fosse no

– Hai votato per i brenti dei bicicletti e i pisti ciclabbili?

– No, ma unni… su Feisbus?

– No, a quali, nel sito del sintaco!

– Ma come si deve votare?

– Ca nenti, scegli un brenti e u voti…

– Ma chi è stu brenti?

– A docu, a scritta… il loco di tutta sta cosa dei bicicletti.

– Non lo sto capento…

– C’è u referentum pe scegliere come sa chiamare tutta sta cosa di ztl, piste ciclabili e autobbussi.

– E pozzu votare no?

– Ma come no?

– Ca levuno tutti cosi e lassunu come era prima e ni fanu posteggiare unni zocco è ghiè… ma non era megghiu?

– Ma chi sacciu… fosse sì, fosse no.

Babbara

– Babbara voi u cono o a coppetta?

– Co cioccolatto papà!

– Solo cioccolatto?

– Anche Ferreroroscè…

– Signorina c’è il gusto Ferreroroscè?

– No mi dispiace, c’è kinter bueno, bascio peruggina…

– U voi u kinter bueno?

– No.

– Allora u cono o a coppetta?

– iccono papà.

– Sicuro? Non è meglio a coppetta? Ca poi ti cade come l’attra votta?

– No no no!

– Allora signorina, un cono di cioccolatto per favore e per me una coppetta caffè e granmanniè.

– Babbara, pigghiti stu gelato. Signorina mi scusi mi po dare quacche tovagliolino pa picciridda ca…

– Papà? Mi è caduto il gelato…

– Avà Babbara a comu si intamata comu a ta matri!?!?

Scinque Due Euri

– No no! Pessi eramu cumminati… un incupo! I palummi ni stavanu cacannu tuttu u baccuni! U piciriddu manco puteva nesciri…

– U sacciu, u sacciu è terribbile! E unni i ccattasti sti girantole… all’Asciuan? 

– Seee, a chi era pazza? I pigghiò Sebastiano nei cinisi di fronte… Arwn, Awnr… docu: scinque due euri.

Muta mi sto – Dialoghi OFF11 day 1

Ore 18:45

– Mi Scusi, chi fa ni potta 2 cafè?

– Guardi che non è un bar, non potete stare qui, è un’area riservata agli ospiti del festival.

– Biii, non avevamo capito… allora appena ni potta i cafè, ni vivemu e ce ne antiamo subito.

 

Ore 20:08

– Scusi è dell’organizzazione?

– Mi dica signora.

– Ma chi lo vince u festival st’anno?

– E non lo so.

– Avanti…

– Glielo giuro.

– Avanti…

–  Signora! Davvero, ancora non si sa.

– Se me lo dice… Muta mi sto.

 

Ore 22:27

– Che fimm state fanto?

– Ora inizia “L’uomo che comprò la luna”.

– Americano?

– No, è una produzione italiana.

– Ci sono antati gli americani sulla luna no gli italiani e manco i russi.

– Naturalmente, ma questo è un film e…

– E che c’entra? I cosi si devono fari boni.

– Guardi, perché non si siede e se lo vede? Appena si alzano queste persone si può accomodare qui, in seconda fila.

– Non ne spento soldi.

– Guardi che è gratuito.

– Vero?

– Vero.

– Ma… tomani lo rifate?

– No, domani c’è un altro film.

– Allora non m’interessa. Buonasera.

foto di Studio 51