Top 5 topics Pasquetta 2018

  1. Quando la comitiva con la salsiccia con il finocchietto incontra la comitiva con il pollo panato, la comitiva con il pollo panato inizia a scroccare: mi fai assaggiare un pizzuddo di sasizza? 
  2. La tensione che sale quando in una stessa scampagnata ci sono due esperti di barbecue.
  3. Accattammu 50 kg di canne, a’nsalata, pomitori, i patati no funnu e poi 10 hamburger d’emergenza… non si sa mai.
  4. Quando u zio Cammelo, 67 anni, 124 kg, baby pensionato inps, si suse dalla sdraio per giocare a pallavolo, riceve in bagher, triangola e conclude l’azione con una schiacciata formidabile.
  5. Stai scuppiannu, motto sugnu… nu mi fati viriri manciari pi na simana ah! Aspetta, nun a luvari sa colompa ca ora pottuno u cafè…

Pasquette

– Papi giochiamo?

– No gioia, ora no, dopo. U viri ca sugnu motto! Anzi, fai una cosa, levami davanti sta teglia i sasizza ca mi stai ammaraggiannu  e vai a buttare questa scatola di colompa che me la sono manciata tutta. Poi ci dici a tua mamma ca mi prepara nautru cafè, però senza zucchero, ca stai scuppiannu.

– E poi giochiamo papà? Dai a pallavolo!!!

– No gioia mia, ora u papà si o cucca tanticchia…

– Dai papà giocano tutti, pure lo zio Carmelo. Me l’avevi promesso.

– Ma semu senza palluni, comu iucamu?

– C’è il pallone, l’ha portato Maria Concita.

– Ma cu tutti sti machini no menzu nun potemu iucari!

– Giochiamo lì, nel prato.

– Senza riti?

– C’è la rete, la sta facendo Jonathan con lo spago.

– Ma accusi nun si viri nenti?

– Si vede benissimo! Le squadre sono: io, tu, Maria Concita, Peppe, la zia Loredana e il signor Iaia. L’altra è: zio Carmelo, Jonathan, Lucia, Mary e la signora Tralongo.

– Ma siamo dispari amore mio, così non si può giocare!

– E chiamiamo la mamma.

– Ilary, la mamma deve fare la cucina, non è ca si po mettere a ghiucari!

– Allora il nonno Angelo…

– Ma il nonno, beato iddu, sta dummennu na stanzetta. lassulu stari.

– E come facciamo allora?

– Facemmo accussì gioia i papà, o pigghia sa seggia a sdraio, pottìla na veranda e iu fazzu l’abbittro.

– Ma come l’arbitro? ma avevi detto che mi dicevi come facevo il baker!!!

– Ilary, dalla veranda si vede meglio. perché vedo tutto il prato. Aspetta fammi sistemare na sta seggia…u viri o papà ca ho tutto sotto controllo?

– Miiii papààààà, però avevi detto che giocavi.

– Amore, senza arbitro non si può giocare, poi lo zio Carmelo imbroglia. Giocate, poi appena uno si stanca facciamo il cambio.

– Miii, ma dove sono gli altri? sono andati a fare la passeggiata? Uffa ma così non cominciamo mai.

– Ma come, senza diri nenti? tutto organizzato… va bè, iucamu chiù tardi.

– Giochiamo a nascondino allora?

– No, in due è troppo facile. Giochiamo con il telefonino.

– Ma sempre con il telefonino dobbiamo giocare?

– Mettiti lì, fai finta di palleggiare e io ti faccio le foto.

– Ok, papà fammene una mentre faccio la battuta…

– …

– Papà, papà, ma ti sei addormentato?