Il Mercatino Pitacorico – In strada come se nulla fosse…

Per passeggiate indisturbate senza dare nell’occhio, vendo, da fondo magazzino carnevale, divise forze dell’ordine, vigili del fuoco, cavalieri medievali, supereroi e porporati. 100% acrilico! Vergognomi assai ma necessito soldi droga. 

È Stretta sui treni a lunga percorrenza: si moltiplicano i controlli

– Buongiorno, prego documenti…

– Eccoli appuntato

– A che ora è partito e da dove?

– Alle 22:10 da Milano

– Viaggia da solo?

– Sì

– È al corrente dell’epidemia di Coronavirus e del divieto di spostamento se non per esigenze indifferibili?

– Sì

– Motivo del viaggio?

– Mia mamma ha fatto gli arancini!

– Ok, Puó andare. Avanti un altro.

Chiariamo una cosa

Chiariamo una cosa: il tuo senso civico è pari a zero, sei solito parcheggiare sulle strisce o davanti agli scivoli dei disabili, lavori in una partecipata grazie a una raccomandazione grande quanto una casa, hai bivaccato da un bar all’altro in orario lavorativo, hai sempre votato i peggiori, ti stai assicurando ingiustamente una pensione immeritata, non fai la differenziata e quando la fai conferisci i rifiuti a muzzo, hai mandato i tuoi figli a studiare fuori e li hai fatti tornare di corsa e gli hai permesso di andare in giro fottendosene di qualsiasi precauzione, non paghi il condominio da anni e manco le tasse che non ti trattengono in busta paga e hai anche la faccia tosta di puntare il dito contro la sanità pubblica che arranca e di voler combattere il sistema marcio. Ehi! Pss, te lo dico sottovoce: il sistema marcio sei tu. Di che diavolo vai blaterando?

Epidemia, pandemia e Ginseng

Amico mio,

ma davvero te la sei presa perchè non ti ho stretto la mano e al supermercato non ti ho salutato con due baci? Vedi che non c’è niente di personale ma, come immagino tu sappia già, c’è in atto un’epidemia abbastanza seria che ha colpito tutto il mondo. Da queste parti, in Sicilia, ancora non è esplosa, ma è solo una fortunata coincidenza perchè i virus mica li puoi fermare facilmente, non c’è modo. Il virus per una natura è subdolo, un bastardo mutante e solo una cosa gli interessa fare: riprodursi all’interno delle nostre cellule. Del resto è un parassita, hai presente? Sono sicuro che vivendo qui, qualcuno lo conosci anche tu. In più è anche piuttosto smaliziato perchè ogni tanto muta, cambia e si evolve come un consigliere comunale impazzito e poi, minchia, vallo a riconoscere.

Se un virus influenzale ha una mutazione genetica, come nel caso di questo Coronavirus qua, due su tre ci scappa la pandemia e allora, per non peggiorare le cose, occorre attenersi a dei protocolli sanitari piuttosto semplici. Niente di trascendentale: lavarsi spesso le mani, distanza di sicurezza, evitare luoghi affollati e appunto, niente strette di mano e baci. Queste semplici regole, sommate a quelle che impongono di stare in casa se si avvertono sintomi influenzali, di non affollare i pronto soccorso ma di chiamare i numeri messi a disposizione dall’autorità, possono aiutare tantissimo a tenere circoscritto il contagio.

Non è più tempo di distinguo, di non ci credo, di stanno esagerando e sono tutte minchiate. C’è un problema e va risolto. Il Coronavirus non è una punizione divina né una condanna a morte, non è nemmeno The Walking Dead ma essendo il Covid-19 un virus nuovo, la popolazione mondiale non ha ancora anticorpi e non ha sviluppato vaccini. Non va demonizzato né sottovalutato, però, il fatto che si trasmette molto facilmente e colpisce con complicanze gravi le persone più anziane o gli immunodepressi, ci obbliga a prenderlo sul serio sia per tutelare queste persone, sia per non mettere sotto pressione un sistema sanitario claudicante.

Se Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna, regioni all’avanguardia in termini di sanità stanno accusando il colpo, non voglio nemmeno immaginare cosa potrebbe succedere qui in Sicilia, dove, se si escludono alcune eccellenze, la situazione ospedaliera è ai minimi termini. Non è il momento di buttarla in polemica evidenziando come la sanità sia stata mortificata e depredata negli ultimi trent’anni da una classe politica mediocre e indegna, è il momento di fare fronte comune, seguire le indicazioni delle autorità e sconfiggere questo bastardo di virus.

Tra quindici o venti giorni, quando presumibilmente il pericolo di contaggio sarà rientrato, torneremo a darci il cinque, ci abbracceremo, ci baceremo sulle guance e andremo a bere il caffè, seduti attorno ad un tavolino di plastica di un dehors abusivo del centro storico, riprenderemo i nostri discorsi appassionati e saremo uno di fronte all’altro, così vicini che a un certo punto ti dirò: “ma che è sta merda? Ti sei preso il ginseng? Con la cipollina? Ma che schifo!”.   

Uffici Comunali chiusi: debutta lo Smart Working

– Pronto Marietta, a liggiutu a ciccolare del Sintaco, l’hanno mantata ieri via emeil…

– Ciao Lucia, completamente!!! Io internet a casa manco l’haiu e l’email ma fici me figghiu ma poi se ne antato a stutiare fora e lassammo tutti cosi a tri tubbi. Che dice a ciccolare?

– Dice che praticamente gli uffici sono stati tutti lavati e sanificati…

– Biiii! Ci voleva u Coronavirus… capace ca ora u dirigente ni rice ca nun potemu manco fumare…

– Comunque, accuni uffici restano aperti, altri li chiutono. 

– E il nostro?

– Ancora non si è capito bene…

– E quinti chi fanu? Bloccano tutto u Comuni?

– No! Qua dice che seconto loro, avissimu a travagliare ra casa!!!

– Ma come ra casa!!! Ma stan’ababbiannu??? Ma poi unni? Na cucina… u sape u Sintaco ca ora come ora manco a stanzetta iaiu, picchì vinni a stare cà macari me soggira?

– Marietta, hai raggiuni, ma la ciccolare questo dice, aspetta ca ta leggiu… ehm… c’è scritto smat working, conference coll e claud…

– Ma chisti su Pazzi!!! Santa Lusciuzza Bedda!!! Mi sta venento u duluri i testa… ma chi è stu claun???

– Marietta, ma quale claun… è claud, è u sistema pi sabbari i documenti e poi i potemu viriri tutti.

– Ma ci vole u compiuter?

– Certo, per forza.

– Non si pò fare co telefonino, cu uotzappi?

– Dipente…

– Se si putissi travagghiari co telefonino fossi megghiu…

– E quanto ti deve costare… la ciccolare dice che ci dobbiamo pacare tutte cose noi…

– Spatti ama paiari nuautri!!!

– Fosse dopo ce li ridanno, tu per sì e pennò conservatilli i scontrini delle ricariche…

– Ma talè talè come ni finìu… Io accussì non me la firo. Lo sto dicento ora: se ci fanno lavorare da casa non faccio niente e poi due giorni mi pigghiu a malattia… a mia non m’anteressa.

– Però statti attenta Mariuccia che qua dice che attiveranno sistemi di verifica per l’ottimizzazione della produttività e per la misurazione e la valutazione della performance.

Sì a peffommanz… me la voglio vetere tutta… non cunchiurunu nenti quanto siamo all’ufficio… viri chi ponu fare quanto travagghiamu ra casa…