Il Rogito – Diario del nanno col giubbotto blu

16 maggio 2020

Ieri il Nanno col giubbotto blu è passato sotto casa intento a fare telefonate, Ninni, dietro di lui, gli passava di volta in volta un telefono diverso e diceva cose tipo: “chiddu ra casa ra via Bainsizza.”, oppure “chiddu ro basso ra via Umpria”. Una telefonata dopo l’altra. Poi, ad un certo punto, passandogli l’ennesima chiamata ha detto: “u notaro Fassapella.”. “Rammi ca!”, ha fatto il nanno strappandogli il telefono dalle mani. “Pronto Gianni – ha detto all’apparecchio – se, se… comu rici tu… se, se, propria… ahahaha, no, no… se, se… a quali abbtabblità mi sta ciccannu?… chi sacciu iu… tu mettici ca ci su tutti i catti, spacchiò t’antaressa…. se, se… no, no, non ci abbabbiari… no ammia… no manco a Sivvana… se, chista a n’testamo a Jonatha e Hilary, i me niputi… ok, ok… se, apposto… ni viremu lunetì.  Dopo aver chiuso la telefonata il nanno si è voltato verso di me per salutarmi e ha detto: “Sono gionni infennali… ma chistu è u mumento pi fari affari immobbiliari.”. “Ah!” ho esclamato stupito “effettivamente leggevo che i prezzi sono destinati a scendere e…”. “I cristiani su disperati – ha detto il nanno – ci levi a casa cu du liri.”. “Francamente le speculazioni non mi sono mai piaciute.”, gli ho risposto serio. “Nun fare sa facci… aanti, gli affari su affari – ha detto di rimando – non è ca stamu iennu a rubbare… paiamu…”. “Va be – ho fatto io – lasciamo perdere, cambiamo argomento… piuttosto ‘sta detrazione fiscale del 110% è ottima per ristrutturare e…”. “Nonzi – ha detto il nanno – a quali detrazione fiscale, iu risutto nullatenente… senza na lira.”. “Scusi – ho chiesto – ma allora come fa a comprare immobili?”. “Come fazzu… ca fazzu! Tu consitera che pigghiu a pensione ri cittatinanza, a pensione d’invalitità, u reddito ri cittatinanza ri Sivvana, u stipendio di Sivvana ca fa manichiur e perichiur case case e pigghia bonu; a percentuale ro bar e do tabbacchino ca n’accattammu quacchi cinc’anni fa; i soddi re case c’avemu affittate a Buggata e chiddi ra villa alle Fisci…”. “Cioè lei mi vuole far credere che ha anche un’abitazione alle isole Fiji?”, ho chiesto stupito. “Docu… Fisci, Mollucche… mu scoddu sempre… all’Arenella va.”. “Ovviamente tutto in nero…”, ho detto sarcastico. “Tutto in nero.”, ha confermato il nanno. “Ma perchè? – ho chiesto contrito – proprio lei si lamentava degli ospedali che non funzionano, ma lo sa che le tasse che non paga…” “Aspetta, femmiti. Ta fazzu iu na domanna… a picchi stu Statu e u Comuni m’ana scassare a minchia ammia, ciccannumi soddi? Mu sa riri? Aanti, pensici e poi m’arrispunni…. ora lassimi iri… salutamo”. “Salutiamo.” ho detto sommessamente. “Ninni, nun fari u gnorri, saluta macari tu – ha detto il nanno – pezzo ri porco e maralucato.”. 

Il Gozzo – Diario del nanno col giubbotto blu

12 maggio 2020

Il nanno col giubbotto blu, con mio sommo stupore, è passato a capo di mattina, a bordo di un vecchio gozzo a motore. Al timone, un certo Pasqualino, a bordo con lui: Ninni, un tale Professor Santro Sparatore e Jonatha, il nipote del nanno. Il gozzo, che scarrocciava a tribordo per via delle onde, si è fermato poco prima dei frangiflutti e il nanno col giubbotto blu mi ha salutato e ha gridato: “Cose ti lusso ah?”. Io ho ricambiato il saluto e ho chiesto: “la vedo bene! si è ripreso allora… che fa, state andando a pescare?”. “Si uope e sarachi i potto!” ha detto Ninni con tono canzonatorio. Deve avere una qualche acredine nei miei confronti dopo la faccenda della ruota rubata a Sicuso ma il nanno, l’ha fulminato con lo sguardo e l’ha redarguito davanti a tutti: “Statti muto, test’iminchia! Se parri ancora ti fazzu lassari a l’isola re cani e poi, ta po fari a nuoto.”. La sfuriata del nanno è stata così perentoria che mi sono sentito in obbligo di intervenire e ho detto: “non faccia così, stava scherzando… piuttosto, mi dica dove state andando?”. “Alla pista ciclabbile.”, ha detto il nanno con un sorriso tutto denti d’oro e d’argento. “Guardi che l’hanno chiusa di nuovo – ho detto io, ingenuo”. “U sacciu – ha fatto lui – infatti ci emu via mare, attraccamu ravanti o scogghiu re Ru frati e ni facemu na bella passiata… pe questo ci siamo pottati a Santro, ora è in pensione, ma ha statu professore i ginnastica na vita.”. “Mi scusi se mi permetto – ho chiesto sommessamente – ma perchè tutto sto traffico, ma non potevate andare in qualsiasi altro posto a fare attività sportiva?”. “A virità? – ha chiesto il nanno – è che ci sono delle signorine amiche mia no palazzo ra via Sicilia che si affaccia sulla pista, vo mettiri a fiura ca facemu arrivannu accussì!”. “Ha ragione – gli ho detto – ma allora, perchè si porta a suo nipote Jonatha? Non si scanta che…”. “Jonatha se ne sta fottento e poi non sente niente… è sempre cu su aifont n’aricchi ca musica sparata… comunque, nel caso, appoi ci faccio un recalo. Ora però si fici taddu, amuninni… Fozza Pasqualino, avanti tutta… salutamu.”.

 

U Cupittuni – Diario del nanno col giubbotto blu

8 maggio 2020

Ninni continuava a suonare il clacson della lapa dello zu Iano come un ossesso, quando mi sono affacciato, mi ha gridato euforico: “scinni, scinni cha ti fazzu viriri na cosa!”. Ho indossato le scarpe, preso guanti a mascherina e sono sceso, ho girato l’angolo e mi sono avvicinato alla lapa. Lo zu iano mi ha sorriso e Ninni, fuori di se dalla gioia, ha detto: “Talè ca! Chi bello rialo ci fazzu al nostro amico… u sai ri cu è sta rota?”. Nel cassone della lapa, sotto una vecchia coperta di lana, c’era la ruota di una macchina con tutto il cerchione in lega. “No! – ho detto stupito – gli hai fottuto la ruota a quello del palazzo?”. “Sì – ha risposto con un sorriso beffardo – u cupittuni ra Nissan Cascài ri sa test’iminchia i Sicuso.”. “Ma sei impazzito? – ho detto io – e se ti ha visto qualcuno?”. “Nonzi – ha fatto lui – lavoro di fino abbiamo fatto, vero zu Iano?”. “Io ci vuleva scuppiari macari l’autri tri roti – ha detto lo zu Iano – ma poi, passò uno e non mi fici viriri”. “Vergognatevi – ho detto – siete degli incivili e dei criminali.”. “Ouh, statti cammo – ha detto Ninni – è un recalo per lui, in questi giorni ha stato troppo nibbusu pi sta cosa ra machina, ora si po rilassare… se tu nunnu capisci, su cazzi toi.”. “Cetto – ha detto lo zu Iano – ci ama risotto un pobblema, chissu fanu gli amici.”. “E come glielo avete risolto sto problema? – ho chiesto con aria di sfida – ora Sicuso sa machina cu tri rote non la sposta più!”. “Minchia vero! – ha detto Ninni – Iano, iemucci a rimuntari stu cupittuni prima ca sinn’adduna quaccaruno, piffauri!”. Lo zu Iano si è messo al volate e Ninni gli si è seduto accanto, poi sono partiti in una nuvola di fumo bianco.

Il posto davanti al portone – Diario del nanno col giubbotto blu

7 maggio 2020

Il nanno col giubbotto blu camminava molto lentamente e trascinava il passo, sembrava parecchio giù di morale, dietro di lui, a distanza di circa un paio di metri, sua moglie Silvana, che invece zampettava euforica e sorridente, con un vistoso foulard animalier annodato in testa per proteggersi dal vento. Li ho salutati con ampi cenni della mano e ho anche sorriso, ma il nanno non era proprio dell’umore giusto. “C’è qualcosa che non va?” ho chiesto preoccupato. “Nzu – ha fatto il nanno svogliato – fosse… un poco ti malinconia.” ha sospirato. “È tri ghionna ca è nibbuso, tuttu siddiatu, non ci si può pallare.”, ha detto Silvana scoraggiata. “Ma è successo qualcosa di brutto? A me può dirlo.”, gli ho chiesto guardandolo negli occhi. “Ammia mi piaceva chiassài a fase uno – ha detto con lo sguardo rivolto verso il basso – stu fatto ca tutti su peri peri, ca pigghiunu a machina mi spara cà… stamatina, pe coppa ri Sicuso, su pagghiazzu ra scala B, macari male maiu sintutu.”. “Vero è – è intervenuta Silvana, faceva trasi e nesci ro baccuni, come un pazzo e ci acchianò tutto l’acito, tipo uccera, ch’appi a dari a Cittrositina ma nenti, non ci passava, allora chiamai u dutturi e iuddu mi rissi di rarici u Puscopan o docu, comu si chiama, u Maloss e poi si stinnicchiò tanticchia no divano e ci passò”. “Ma che le ha fatto sto Sicuso?”, ho chiesto incuriosito. “Stu cretino, a capo i matina, m’ha fattu truvari a machina posteggiata ravanti o puttuni, no posto mio!”. “Che incivile, ma scusi, glielo dica, avverta l’amministratore… se i posti sono assegnati…”. “A quale amministratore, a quali posti assegnati, chissu è u posto mio e basta, e su cunnutu a machina non la sposta, io u canusciu… è tinto! Ma no ca finisce accussì…”. “Avanti, basta – ha detto Silvana – ca ti senti n’autra vota male, facemuni sta passiata e quannu tunnamu ci rumpi l’antenna.”.

A Protesta – Il diario del nanno col giubbotto blu

5 maggio 2020

Il nanno è passato sotto casa con una comitiva spropositata di altri nanni: c’era Ninni e mi è parso di vedere Spampinato, quando si è avvicinato per salutarmi gli ho chiesto: “mInchia, Fase 2 a bomba! Ma chi sono tutti questi, amici suoi?”. “Quaccaruno sì, quaccaruno no… tipente – mi ha confidato – su chiddi ro ciccolo ra caccia, ma è mparavento…picchì  iucamu e catti… belli soddi abbolanu.”. “Capisco – ho detto io un po’ imbarazzato – e dove state andando?”. “Ama statu a protestare a palazzo Vemmexio – ha detto il nanno – si hanno riempiti la bocca di aiuti e soddi, ma ai racazzi non c’è arrivato nenti,  quinti abbiamo chiesto al sindaco di pacare l’affitto ro basso pi n’annu e poi, tutti i bollette ra luci.”. “Mi pare giusto – ho detto sarcastico – è un onere che deve sobbarcarsi la comunità… e il Sindaco che vi ha risposto”. “A nenti – ha detto il nanno – ora viremu, u bilanciu, l’emeggenza, i fonti ti Roma, i minchiati da reggione… inzomma… sa mancunìa…”. “E sa di soldi che si stanno ammuccando.” gli ho detto io, ironico per rincarare la dose. Il nanno ha fatto una faccia come a dire: vero, accussì è. Poi si è voltato verso tutti gli altri nanni e  con tono perentorio ha detto: “picciotti, ora tutti e case a manciare, ni viremu e tri, no garage di Giggi a via Grottasanta, ca ci su du tavoli di texano… puttativi i soddi ra pensione sennò nu vi fanu trassere…aanti.”. 

Ritere ti te – Diario del nanno col giubbotto blu

Il nanno col giubbotto blu è passato insieme allo zu Iano a bordo della lapa e si è fermato per un saluto veloce. “Stai tunnannu a casa pi taliarimi un pizzuddo di concetto del primo maggio.” mi ha detto appena mi ha visto affacciato al balcone. “Sa che c’è anche un mio piccolo contributo?” gli ho risposto entusiasta. “Cu tuttu u rispetto, no chiddu ca, i Sarausa… a mia mi piace chiddu ranni… st’anno c’è Vasco Rossi.” ha detto compiaciuto. “Non l’avrei mai detto… un rocker! – ho fatto io – è un fan di Vasco?”. “A quali fan, a quali rocchi – ha risposto lui – tutti su scrusciu… schifìu. A mia mi piaciunu sulu i canzuni lente… ce ne sono certe che…”. Quali?” ho chiesto con referenza. “Ritere ti te… ma macari Vita spericolata, Selli, Ogni Votta… n’ha fattu belle… basta, mi sto emozionanto… aanti”. Avrai voluto indagare un po’ di più su questo lato sentimentale del nanno ma è intervenuto u zu Iano, rompendo l’atmosfera che si era creata: “Chissu è trocato.” ha detto come una sentenza. “E tu si sempre mbriacu!” gli ha risposto il nanno col giubbotto blu. “Vo fari u paracone cu Clautio Villa ca canta Granata?” ha ribattuto u zu Iano con aria di sfida. “Iano, viri ca Clautio Villa mosse… uno vivo ca ti piace u canusci?” ha chiesto il nanno beffardo. “Necchi – ha risposto pronto u zu Iano mentre rimetteva in moto la lapa – Laura non c’è… e ta fici fetere… amuninni ca si fici taddu, salutamu”.

U veterinario – Diario del nanno col giubbotto blu

29 aprile 2020 – ore 18:45

Oggi pomeriggio, poco prima del tramonto, passeggiando a braccetto, sono passati a salutarmi il nanno col giubbotto blu e Ninni, parlavano in maniera concitata e quando sono arrivati sotto al balcone, Ninni mi ha sorriso e il Nanno mi ha chiesto: “comu semu?”. Io ho subito risposto: “A posto, ammuttamu…”, volevo chiedere del debito di gioco e se Ninni alla fine era riuscito a farlo onorare da Cugno, ma il nanno non mi ha lasciato continuare e mi ha subito detto: “Sugnu troppu nibbuso… ha sintutu ‘sta cosa che hanno messo u veterinario avvettice dell’ospetale?”. Io ho cercato di chiarire: “Beh, non è propriamente  a capo dell’ospedale, è un ruolo…”, ma non ho fatto in tempo a terminare che il nanno serafico ha ribattuto: “chissu picchì a Sarausa semu animali, sabbaggi, mao mao, semu troppu bestia. Ni mettunu u veterinario o’spitale e tutti ni stamu muti a cominciare del sintaco”. Io l’ho guardato fisso, come a dire: la sua saggezza a volte mi spiazza e mi commuove. Poi è intervenuto Ninni che ha chiesto: “ma quindi se c’è u veterinario all’ospedale, Annibal (un cane corso di 85 kg, di stanza alla Fanusa) u pozzu puttari per fallo visitare? Mischino, iavi n’tanticchia di tosse… nun criru ca è coronavirus?”. “Minchia Ninni… preciso, si u sarausanu DOCCHI – ha detto il nanno, mentre scoraggiato si allontanava da solo – u sai ca fari? Tu pottaccillo e viri zocco ti riciuno”.