Glossario – Sea-Watch 3

Non fateli scendere ha terra

Emigranti dell africa nera tunisina

la Libbia

I radical sit

Fassi immigranti

Servagi

Portatevli ha case vostre

io soddi non vi ne do piu

Viva Salvini viva la Leca

Affontaleli tutti

Buonisti suca

Il Sindaco si dovrebbe vergognarsi di tuto

Ci devono provare a farmi prendere ha casa un negro

Macari a Prestigicoma dicalafici 

Italia e Prestigiacomo ora siti ca malattie ci vunu i vaccini

Io stho coi cinguestele

Acchianò pure manico i scupa

La pacchio è finita

Vedete che molti sono terroristi di Alcantara

Prima i talian

Sti volontari pigliano 3000 euro o misi bastaddi

Unni c’è a pila i chiappari

Ma picchì su minorenni?

Ci anno tolto la dignità ma di chi parramuuuuuu

Sindaco xche non ti azi oni per Sira cusa ni sara ke ci dv ma ngiar anche tu

La colpa e di ong, cunnutu.

Sbarchiamoli sulla Luna

Il problema è che anche se abolissero il Franco Cfa, se a tutti i migranti venisse imposto di sbarcare a Marsiglia, a Malta o sulla Luna, se si mettessero fuorilegge tutte le Ong, se tutti i buonisti del cazzo – dalla Boldrini a Papa Francesco; dai puppi delle associazioni a Gino Strada; dai mediatori culturali a Mimmo Lucano e tutta Riace – sparissero improvvisamente dalla faccia della terra, se Il Sindaco Italia accogliesse veramente questi 47 disgraziati tutti a casa sua, probabilmente la nostra vita rimarrebbe miserabile così com’è.

Ci hanno fatto credere che questa condizione è strettamente legata all’invasione dei migranti ma la verità è che non c’è alcuna correlazione e non c’è nessuna invasione. C’è solo molta rabbia, questa sì, c’è frustrazione, senso d’inferiorità, indifferenza e tanta, tantissima ignoranza. Facciamocene una ragione, i flussi migratori non si fermano chiudendo i porti ed i canali umanitari non trasmettono la partita in chiaro. Scappare da una guerra, sfuggire ai massacri, tentare di portare la propria famiglia in salvo dalle persecuzioni, intraprendendo un viaggio pericolosissimo non è un vezzo ma è sopravvivenza. Se solo i santini di Padre Pio nei nostri borsellini o le statuette della Madonnuzza bella o di Santa Lucia disseminate per casa potessero parlare… ci accorgeremmo che esistono dei valori universali e che tra tutte le sconfitte della vita, la peggiore e proprio la perdita dell’umanità.

 

 

Differenzia Tiche

Prima di tutto vennero a portarci il mastello dell’umido e i sacchi della plastica e fui contento. Poi ci dissero di leggere un libretto che spiegava come differenziare le varie tipologie di rifiuti e io non lo feci perché: chi spacchiu m’antaressa a mia. Poi portarono i carrellati condominiali e li misero davanti alla scala A e non dissi niente perché lì ci vivono Matarazzo e Cugno che sono puppi e buonisti. Un giorno vennero a prendersi i cassonetti e a protestare eravamo rimasti solo io e u viddumaru ambulante di Santa Bonacia.

Teatro Greco, si cambia

Teatro Greco di Siracusa, non solo Inda: la Regione apre a concerti ed eventi. Si parla già di “Edipo a Sacchitello”, la pièce teatrale di Toti e Tonino e del monologo di Litterio “C’ho detto Eschilo”. Sul versante musicale, fibrillazione per il concerto del giovane Ancelo, il quattordicenne di viale Tunisi capace di scandire nitidamente “Siracusa d’amare” e “Avanti insieme” coi rutti e per questo divenuto a furor di popolo ambasciatore della siracusanità nel mondo. Ancelo dovrebbe esibirsi accompagnato dal maestro Vessicchio che lo dirigerà in una suite di stornelli per orchestra e rutti. Infine, grazie all’ONG Tabasco, si profila il grande ritorno di Andrea Bocelli per un concerto benefico per dire basta alla vaschetta di plastica monouso per la carne di cavallo.