A4

Questo vergognoso e insano andazzo di pubblicare i miei racconti sta sfuggendo di mano e rischia di diventare pericoloso!

Grazie di cuore a Stefano Amato che ha scelto “Tournée” per l’ultimo numero della sua rivista letteraria A4.

Grazie anche a Leonardo Borrelli e Stefano Marino, senza i quali, questa storia non sarebbe stata la stessa.

Qui il link per leggere e scaricare il racconto.

Grazie

Ieri è stato un pomeriggio surreale, scandito dall’evoluzione di una serie di comunicati, notizie e smentite che si sono rincorse e susseguite freneticamente. Il Grande Lebowski, il capolavoro dei fratelli Coen che dà il via a tutta questa vicenda, inizia con una voce fuori campo che introduce la storia a cui lo spettatore assisterà. C’è una veduta dall’alto di Los Angeles e poi un particolare di una strada deserta dove rotola una palla di sterpaglie e una voce fuori campo che dice: “… però posso dirvi una cosa, dopo aver visto Los Angeles e vissuto la storia che sto per raccontarvi, beh, penso d’aver visto quanto di più stupefacente si possa vedere in tutti quegli altri posti e in tutto il mondo. Perciò posso morire con un sorriso, senza la sensazione che il Signore mi abbia fregato.”.

Ecco, la mia storia non è stupefacente come quella del Drugo ma è questa qua: Me ne stavo spaparanzato sul divano, dormicchiando e guardando per l’ennesima volta Il Fuggitivo, con Harrison Ford, quando all’improvviso, rompendo questa quiete sonnolenta, mi è arrivato un messaggio su Whatsapp con una nota stampa che mi accusa di disorientare i cittadini con satira e fake news e che sarei finito dentro un fascicolo posto all’attenzione dell’autorità competente. Non scherzo, sono saltato in aria. Il primo pensiero, istintivo, è stato: sono finito, rovinato, scappo a Dubai, in qualche emirato arabo, affanculo il caldo che manco a Bosco Minniti in pieno agosto, lì ci sono un sacco di latitanti, troverò la mia strada. Poi ho pensato: ma se chiamassi Peppe? Magari sta progettando la sua fuga in barca a vela e vado con lui, ci potremmo rifare una vita a Panama, che so, io mi farei chiamare Ramon e lui Bahiano, potremmo mettere su un commercio di carne di cavallo equo e solidale e di totò neri e bianchi per la festa dei morti, potremmo anche brevettare una sassaemayoness tutta nostra e fare i soldi, costruire un impero come gli Heinz. L’idea era allettante e avevo già messo il costume da bagno e la maglietta da marinaretto con le righine bianche e blu in valigia quando ho incrociato lo sguardo di mia figlia di 5 mesi e i suoi occhioni dolcissimi mi parlavano e dicevano: papà, non andare con Peppe, avà, resta qui con me. Come avrei potuto deluderla? Allora insieme a Donatella abbiamo cominciato a leggere e rileggere il messaggio e ci siamo divisi il lavoro: io mi occupavo dell’analisi semantica e lei di mettere sù un collegio difensivo. Ha cominciato a fare delle telefonate esplorative, ma poi è successa una cosa strabiliante, erano gli avvocati che chiamavano noi, telefonavano direttamente, davano la loro disponibilità incondizionata ad affrontare qualsiasi giudizio, in qualsiasi sede. Nel frattempo ho cominciato a ricevere messaggi e telefonate di solidarietà da parte di colleghi giornalisti, c’era chi rideva a crepapelle, chi era indignato, chi invidioso perchè a suo dire mi sarei arricchito con i risarcimenti. Poi, quando la situazione era ormai sfuggita di mano e mia mamma, collegata su Skype, con le lacrime agli occhi, mi aveva detto: “vai figlio mio, vai e fai valere i tuoi diritti sanciti dalla Costituzione”, verso l’ora di cena, tutto si è sgonfiato come un soufflé venuto male, come una mayoness impazzita. Una nuova nota stampa precisava che c’era stato un misunderstanding e che nessuno aveva intenzione di sporgere denuncia contro Archimete Pitacorico.

Lo ammetto, ho tirato un sospiro di sollievo. In tanti anni non mi ero mai trovato in una situazione simile e quindi la cosa mia aveva agitato per tutto il giorno e avevo la maglietta completamente sudata. Per me è stato come essere sparato in un’altra dimensione dove era possibile considerare il post di un blog satirico una fake news; dove l’immagine tratta da un frame de Il grande Lebowski con Jeff Bridges e John Goodman che mostrano al giovane Larry e alla domestica Pilar, il compito in classe di sociologia, ritrovato nella macchina rubata di Drugo, potesse essere scambiata per una foto di Patti e del suo avvocato; dove occorreva precisare che non esiste nessuna circolare che vieta al personale ospedaliero di curare tutti gli uomini che si chiamano Patti fino al 2021. 

Comunque, tutte le esperienze lasciano qualcosa di buono e questa mi ha lasciato la consapevolezza di poter contare su  tanti colleghi, su Assostampa che si è subito mossa con una nota di solidarietà ed a cui adesso, a scanso di malafiure bestiali, dovrò iscrivermi per forza e soprattutto su tutti voi che leggete questo blog e che mi avete innondato di solidarietà, di stima, di spontanei “Je suis Archimete Pitacorico” e di tanto, tantissimo affetto.

Grazie, non lo dimenticherò… vergognomi assai ma necessito soldi droga.

Vostro, Archimete Pitacorico

 

Un po’ di Rassegna Stampa in aggiornamento:

Siracusanews

La Civetta

Strummerleaks

Siracusapost

Siracusatimes

Libertà

Error404.online – Contro ogni Censura

La Sicilia

 

 

L’arrocco

Leggendo certi commenti alla notizia delle minacce di morte ricevute dal Sindaco di Siracusa, mi prende sempre un senso di sconforto e di sfiducia e anche se lo so già, ogni volta ci ricasco e vado a vedere i profili degli autori di questi commenti e ogni volta, giurò, si tratta sempre di papà amorevoli, mamme a tempo pieno e amanti degli animali. 

Nel caso specifico, la violenza più greve, gli insulti sessisti, l’odio profondo e scomposto era concentrato nei commenti di alcune donne, mamme e cristiane. Ecco, io mi auguro che qualcuno dei loro figli riesca ad andarsene via: lasciare la città, il quartiere e la famiglia, fare esperienze altrove, allargare la mente, magari a Milano, a Berlino, a Oslo, a Singapore o in culo al mondo, ovunque possano entrare in contatto con un altra realtà e immergersi nella profonda bellezza della diversità e della moltitudine. La vita non è quella confinata tra la discarica abusiva davanti al portone e la carcassa dello scooter rubato, c’è molto altro e tutti dovrebbero avere il diritto di andarlo a scoprire. Spero che alcuni di loro abbiano la forza di imporsi e facciano tutti i sacrifici per continuare a studiare, perchè se lo meritano, perché sono bravi e spero che gli altri riescano a trovare un lavoro dignitoso e gratificante e capiscano, una volta per tutte, cosa siano i diritti e i doveri di un cittadino.

Le colpe non sono certo dei loro genitori o forse, lo sono solo in parte, la verità è che c’è una società che non funziona più e uno Stato che ha ghettizzato come reietti i figli degli ultimi in scuole di quarto livello abbandonate a se stesse. Ci sono insegnanti che hanno gettato la spugna ma anche offerte formative di tutto rispetto che vengono snobbate dai genitori delle “famiglie per bene” perché loro, lì, in quella scuola, in mezzo a quelle persone, i loro bambini non glieli iscriveranno mai e forse sbagliano o forse no ed io per primo, gliela iscriverei mia figlia? Non lo so, davvero e siamo sempre punto e accapo e il sole sorge ogni giorno e il degrado si somma al degrado e l’ignoranza, la disoccupazione, il lavoro in nero, la prostituzione minorile, lo spaccio della coca, l’arrocco, il sospetto, il ghetto e la violenza, che come sempre, genera altra violenza.

 

Prosegue la querelle Patti vs ASP

Peppe Patti e il suo avvocato mostrano all’inviato di Teletris la presunta circolare dell’ASP che per ripicca, vieterebbe al personale medico e paramedico di tutte le strutture sanitarie della provincia, la somministrazione di qualsiasi tipo di cura agli uomini di cognome Patti fino al 2021!

Mi ata comosso tuti cinisi è italiano – Il glossario dei commenti social sull’emergenza Coronavirus

– Prima ni anno ammazzato a tutti !!! Adesso sono fare gli eroi , ma non vi vergognate i politici , inutili ha fare i lecchini per due mascherine ??? 

– Grazie un cazzofirmato un italiano vero

– Minchia di sindaco inutile è raccomantato

– Laddove sono queste mascherine perché non passano nei condomini a portarle alla via pitia non abbiamo visto niente e manco al palano il signor sindaco dove sta

– E tu quanti soddi chai messo politici merda

– Oh ma la R unni a lassasti mbareeee

– Dimettiti pupiddu!!!! Ora ci salvi tu !!!! Devi sperare che non dobbiamo avere bisogno di andare in ospedale …. te ne puoi andare dalla città

– Un sintaco peggio non lo avevamo potuto averlo in questa Pantemia…. chistu non se la fira per le cosè semplice a ora ca fari con questa Pantemia, u Signuruzzo ci aiuta

– Sindaco se ti puoi definire sindaco a posta della mascherina nella faccia ti devi mettere ma maschera ahahahaha

– Si grazie molte cinesi che avere labitudini insani è lurde come mangiare a mano pipistrelli e altri animali così è poi ci troviamo in questa assurda situazione..grazie mille cinesi.. grazie sintco

– Il minimo che anno a fare e dare masgherine

– Ano detto che u virus a statu trasmesso col 5g perche non lo dicete

– Ciao sig, sindaco come posso avere la mscerina io abbito fuori zona vicino il potere ristrNte

– Grz a chi scusa al cinese ma non a italia che sista spacchiannu con le cose che stano facento il cinese dimettiti che e meglio italia

– Ora i respiratori pommonari se li mettono alle case loro dei politici

– Sinnucu re causi persi, cerca di fare mettere l’aumento nella cittàdinanza come già anno fatto alcuni paesi come cassibile ecc.. Viri ca ci vuole picca a scuppiare na rivoluzione a Siracusa! Viva De Luca sindaco di Messina

– I cinesi si … ammentre gli onorevoli fano orecchio di mercanta

– Prima infettano tutto il mondo e dopo si fanno belli con due mascherina e i respiratori di decatolon che appoi ci dano hai clandestini che fate sbaccare a Siracusa

– Grzie hai cinesi siete come noi italiani e cinesi tuti cittatini

– Bestia ca si devi dare le mascherine a popolo che ne a bisonchio no i cunpari

– All’ospedale vieni caro sindaco devi far vedere anche lì schifo dello schifo ah già qua non entri c’è il covid 19

– Mi ata comosso tuti cinisi è italiano

– Grande sindaco di sta mi………… a CASA TENE DEVI ANDARE NON FAI ALTRO CHE QUESTO DI FARE LA TUA ASSURDA FACCIA DI MINK…… APPOSTA I PINSARE ALL’OSPEDALE DI SIRACUSA CA NUN CE SANITÀ L’INFERMIERI DAVVERO ANCHE SE NN SONO TANTI PREPARATI GRAZIE di vero cuore a tutti loro e x il picco che stanno facendo e tu apposta di pensare ha loro e poi ha chi sta morendo di fameeeee tasetti nella tua bella pottrona o vai nei cinisi che e colpa loro di pandemia e pensi a diri minkiati scess a cettu aviti u culu bellu assitatu Siracusa svegliativiiiii

– A visto ca dice che sono animali e invece i cinesi sono pure bravi personi

– Va bene i mascherine e tutti stu tetro Italia ma tu a spisa ta fai e non ti accorci ca i prezzi su tutti unciati?

– Sono mascheline di liso bastaddi…

 

Arriva il super manager Villadoro

Nominato il super consulente Alvise Villadoro. Ex portantino assenteista, Villadoro è stato per anni l’autista di influenti personaggi politici e malavitosi, scampato all’arresto un paio di volte, si è reinventato sciamano e guaritore su Tele Navajo, una tv locale di sua proprietà. Villadoro, sostenitore di tarocchi e mavarìe, in qualità di nuovo Medical Chief Covid-19 Team and Tech Administrator for Business, Health, porterà avanti una rivoluzione sanitaria senza precedenti. “Punteremo sulla medicina alternativa e sulla magia degli indiani d’America – ha dichiarato – non c’è malattia che non possa essere sconfitta con un amuleto o una pozione. Con me la superstizione prenderà il posto di scienza e ragione”.

Due anni insieme

Assopanini, Confcavallo, Comune di Siracusa e Noi Albergatori celebrano il secondo anniversario dell’istallazione di “Cavallo Corinzio e Sbizzero”, la scultura entrata nel cuore di tutti i siracusani. Per la critica, l’opera, la cui poetica mette in relazione cultura e sviluppo economico, vuole simbolicamente rappresentare il trait d’union tra mito e sassaemayoness.

Pasquetta

Ho visto cose che voi umani non potreste immaginarvi: ho visto file di auto incolonnate ai bastioni di Cassibile e le teglie di pasta al forno e di scacciate con gli aiti trasportate alla Fanusa, ho visto lapilli di fuoco provenire da braci poderose e il fumo denso e pungente della diavolina affumicare le ombrose verande del Plemmirio. Ho visto sasizza sputtusata con la forchetta, i pipi ammuddicati e le mulininciane con la mentuccia balenare sulle tavole di Tivoli. Ho visto divorare cannoli di ricotta e intere guantiere di dolci con tanta foga da non risparmiare nemmeno i diplomatici; ho visto caffettiere da 32 tazze sul fuoco e stormi di colombe volare dentro stomaci di ferro. Ho visto litri di vino e cicchetti di amaro e di limoncello stordire gli uomini più vigorosi mentre le donne, stoiche, facevano la cucina. Ho visto lo zio Cammelo, 67 anni, 1 metro e 52 per 124 kg, alzarsi felino dalla sdraio, riceve in bagher, triangolare e schiacciare vincente alla partita di volley sul prato. E tutti questi momenti andranno perduti nel tempo come un foglio di stagnola trasportato dal vento in un parcheggio desolato di paninaro su ruota. È tempo di Coronavirus.

Ferla, la Pasqua e il Coronavirus

Ferla è un piccolo comune dei monti Iblei, i miei nonni materni sono nati e cresciuti lì ma io non ci avevo mai messo piede fino a quando non ho conosciuto Michelangelo Giansiracusa, il giovane Sindaco che ha preso in mano le redini del Comune disastrato e grazie alle sue idee e alla sua amministrazione illuminata, l’ha trasformato in un paese modello di buone pratiche. Rifiuti, sostenibilità, turismo diffuso, politiche energetiche, edilizia scolastica, integrazione sociale, niente è stato tralasciato e Ferla ha cominciato ad essere studiata nelle università e dagli amministratori delle altre città come un esempio da seguire.

Sì, perché al di là dei meriti politici e amministrativi, l’aspetto più sorprendente e importante di Ferla è il senso di comunità che si è venuto a creare, una piccola rivoluzione antropologica che ha coinvolto anche i più scettici. I cittadini di Ferla sono consapevoli, motivati e si sentono parte attiva di una comunità di persone. Sono fattivi, agili e veloci, si riuniscono in assemblee pubbliche, decidono una cosa, si suddividono il lavoro e lo portano a termine. Sconvolgente.

Come molti altri comuni siciliani, anche Ferla sente molto la Pasqua e ogni anno, in questi giorni, dà il meglio di sé. La Sciaccariata è un evento unico, uno dei più spettacolari della Pasqua ferlesse e consiste nel correre, nel cuore della notte, appresso al simulacro del Cristo risorto (U Gesùmaria) brandendo un ramo di sterpaglie infuocate (la sciaccara) per la via principale del paese, su, su, fino al convento dei Cappuccini dove si arriva trafelati, con gli occhi rossi per il fumo e il fiatone per la corsa in salita. Lì, al convento, ogni anno si assiste a un miracolo laico, ovvero compaiono dal nulla i deputati regionali, alcuni fingono di avere il fiatone, altri si racchiudono in preghiera mentre la loro assistente cerca l’angolo migliore per scattare una foto che finirà in tempo reale sui profili social, altri stringono mani e promettono prebende. Poi, d’improvviso, come sono arrivati, spariscono, diretti verso il Comune successivo e verso la prossima funzione religiosa. La Sciaccariata non è uno scherzo, ci sono quattrocento cristiani che urlano e corrono come scalmanati e centinaia di roghi e falò, bisogna muoversi veloci e attenti, facendo attenzione a non prendere fuoco o a non dare fuoco al turista di Dussendorlf col giubbbottino Hi-tech infiammabilissimo che – cassatella di ricotta in una mano e smartphone nell’altra- è fermo in mezzo alla strada a fotografare l’evento, senza rendersi minimamente conto dell’orda mistica e infervorata che lo sta per travolgere e spazzare via.

Negli ultimi anni, il clamore di questa Pasqua ha fatto prima il giro della provincia, poi della regione e poi ha dilagato nel mondo portando a Ferla comitive teutoniche e scandinave che avevano prenato una delle poche strutture ricettive o usufruito del servizio di albergo diffuso. Anche io e Donatella, un paio di volte, ne abbiamo usufruito.

C’è questo simulacro della Madonna che gira tutta la notte con un mantello nero addosso, gira alla ricerca del figlio e poi poco prima dell’alba, arriva in via Garibaldi – che è dove posteggio la macchina di solito – e aspetta che un raggio di sole la colpisca in viso e quando succede la statua inizia a brillare e tutti esultano e la gente affacciata applaude e si commuove e allora si può ripartire alla ricerca del Cristo risorto. Nel mezzo ci sono messe, funzioni religiose e un corollario di eventi sacri che, da ateo quale sono, sconosco completamente. C’è trasporto e devozione, ci sono sacro e profano, la vedova sconsolata e la coppia di fidanzati che può stare in giro tutta la notte.

La mattina di Pasqua il paese vestito a festa si da appuntamento per la messa e per prepararsi ad assistere a “U Scontru”. I bar sono presi d’assalto e producono migliaia di caffè e sfornano cornetti e dolci di tutte le forme, le signore calzano tacchi vertiginosi, alcuni uomini hanno riciclato il vestito damascato del matrimonio e le suore svicolano veloci tra la folla. Perfino i due vigili urbani del paese, per l’occasione in alta uniforme, cercano di guadagnare la posizione migliore, un punto di vista privilegiato per assistere a quello che è indubbiamente il momento più emozioante. 

I due simulacri, quello di Gesù e quello di Maria, si muovono dagli estremi del corso e procedono lentamente l’uno verso l’altra. La tensione cresce poco a poco, ad un certo punto si cominciano a scorgere le statue che avanzano e quella della Madonna sembra davvero che stia cercando qualcuno, i suoi movimenti, i piegamenti a destra e sinistra contribuiscono a creare questo immaginario. Poi, quando la tensione ha raggiunto l’apice, le due statue, come se si fossero scorte e riconosciute, accelerano vertiginosamente, corrono una verso l’altra ed esattamente un istante prima di abbracciarsi, la Madonna fa cadere il velo nero che ha indossato tutta la notte e la gente grida tutta la sua emozione, alcuni, stremati dalla tensione, piangono e le statue girano su loro stesse e sembrano abbracciarsi e saltare di felicità.  

Con il passare dei minuti la commozione lascia il passo all’allegria e tutti si abbracciano e si baciano, prendono in braccio i bambini, tengono per mano le nonne, si fanno gli auguri e iniziano a dirigersi verso le case con le tavole imbandite, lì, è un tripudio di sugo di maiale, ricotta, arrosti, sasizza, vino locale e dolci. 

La situazione sanitaria di quest’anno e l’emergenza Coronavirus rischiavano di compromettere lo svolgimento della Pasqua ferlese. Nessun assembramento di persone è consentito, nessuna sciaccara può essere accesa, e men che meno, nessuna processione potrà percorre le stradine del borgo. Per la prima volta dal 1861 Ferla rischiava di non celebrare la sua festa più sentita. Poi l’idea, la trovata risolutrice. Mi immagino i cittadini di Ferla collegati su Zoom per discuterne. Qualcuno avrà chiesto: “Sintaco, ma allura pi Pasqua nun facemu nenti? Manco a Sciaccariata?”. “Tanino, ma come la possiamo fare se è vietato uscire in strada?”. E poi un brainstorming di idee e alla fine, la trovata: lanterne cinesi. Costruiamole, compriamole, prepariamo un tutorial da mettere in rete e da inviare su whatsapp per aiutare i meno pratici. Tanino ne fa 50, lo zio Carmelo addirittura 103. Appuntamento sabato a mezzanotte, ogni famiglia sul suo balcone, ci sarà un cenno, la prima lanterna si alzerà in volo e le altre la seguiranno, il silenzio irreale sarà rotto da un applauso scrosciante e Ferla tornerà ad illuminarsi in segno di rinascita e speranza.